• Think News | rss
  • Think News | contatti
  • Think News | Flickr
  • Think News | YouTube
  • Think News | Twitter
  • Think News | Facebook
24 ottobre 2014
Di Maria Romano

Da Il Tempo. Meloni: «Crediti formativi se vai alla festa Pd»

di Giorgia Meloni

24 ottobre 2014

www.giorgiameloni.com

La leader di Fratelli d'Italia segnala al ministro Giannini la curiosa iniziativa di un liceo di Ravenna È risaputo che la corsa ad acquisire crediti formativi sia divenuta uno degli obiettivi prioritari per gli studenti del liceo, proprio perché, in base alla normativa vigente, nel corso degli ultimi tre anni di frequenza delle scuole medie superiori, il conseguimento di un bel gruzzoletto di questi gettoni prevede l'opportunità di incrementare il voto finale del diploma. I tanto ambiti crediti formativi sono assegnati grazie allo svolgimento di attività extrasco
Continua a leggere

Giustizia, molti di noi non voteranno fiducia

di Lucio Barani

23 ottobre 2014

www.luciobarani.it

Questa non è una vera riforma e molti di noi non la voteranno. Questo processo civile che di fatto è incivile, è uno dei motivi del mancato sviluppo dell'Italia, dei mancati investimenti da parte degli stranieri in Italia: nel 2013 la Spagna ha avuto oltre 40 miliardi di investimenti e l'Italia solamente 10 perché noi abbiamo una giustizia che sul processo civile ha dei tempi biblici e sul processo penale non ne parliamo. La nostra giustizia ha inoltre subito vari richiami da parte delle istituzioni europee e questa riforma era necessaria, urgente e non rinviabile.
Continua a leggere

AMBIENTE, LA LOTTA DI BOLOGNETTI PER BONIFICARE SITI E ISTITUZIONI ILLEGALI

di Rita Bernardini

23 ottobre 2014

www.ritabernardini.it

Da molti giorni l'esponente radicale Maurizio Bolognetti sta conducendo un'azione nonviolenta di sciopero della fame (e, a partire da venerdì prossimo, anche alternando con giorni di sciopero della sete) affinché sia istituita, come previsto da una legge inattuata, l'"Anagrafe dei siti da bonificare". I chiamati in causa o rispondono in modo evasivo oppure oppongono il consueto muro di silenzio con cui i radicali, i nonviolenti, sono costretti a fare i conti da sempre. La "ragion di Stato" (o, con un poco felice giro parole, la ragion di Regione) che si oppone ai diritti fondame
Continua a leggere

Altri Blog