• Think News | rss
  • Think News | contatti
  • Think News | Flickr
  • Think News | YouTube
  • Think News | Twitter
  • Think News | Facebook
23 giugno 2017

ACCORDO A MINSK, DA DOMENICA SCATTA IL CESSATE IL FUOCO

12 febbraio 2015

Di Maria Romano – Sedici ore di colloqui per arrivare a un accordo di massima sul cessate il fuoco. E’ questo l’esito del tavolo di trattativa aperto a Minsk tra Russia, Ucraina, Germania e Francia, che ha visto Angela Merkel nei panni di “paciere” per un conflitto che ha già avuto serie conseguenze in termini politici ed economici.

Da domenica 15 febbraio, infatti, senza alcun tipo di condizioni, sarà dichiarata la fine delle ostilità sul suolo ucraino, un accordo globale che, tuttavia, non lascia illusioni sul fatto che ci sia ancora moltissima strada da fare e da percorrere per arrivare a una soluzione definitiva del conflitto.

Voci di accordo erano già circolate ieri, in tarda serata, quando poi era arrivato lo stop dei ribelli filorussi: le condizioni poste da Putin erano state considerate “inaccettabili” e il negoziato sembrava pronto a naufragare, per chiudersi con una semplice dichiarazione congiunta, senza particolari svolte.

Solo un nuovo tavolo aperto in mattinata ha rischiarato l’orizzonte del Donbass, dove si sta consumando il sacrificio di vite umane. Il nuovo documento ha messo d’accordo tutte le parti in causa e da Putin è arrivato un segnale di distensione:  “Chiediamo alle parti in conflitto – ha annunciato – di fermare il bagno di sangue e lanciare un vero processo di pace il prima possibile”.

Ti potrebbe interessare anche

Powered byOnlyYouAdvertising