• Think News | rss
  • Think News | contatti
  • Think News | Flickr
  • Think News | YouTube
  • Think News | Twitter
  • Think News | Facebook
23 giugno 2017

ARGENTINA AL VOTO. TRE ASPIRANTI PRESIDENTI DI ORIGINI ITALIANE

23 ottobre 2015

Di Emma Baldi – Domenica 25 ottobre gli argentini sono chiamati a votare il nuovo presidente. I tre candidati alla carica sono tutti di origine italiana: Sergio Massa, Daniel Scioli e Mauricio Macri.

Il favorito è Daniel Scioli, 58 anni, governatore peronista della città di Buenos Aires. Mauricio Macri, 56 anni, patron del Boca Juniors, è sindaco della città di Buenos Aires, di centrodestra, vicino agli imprenditori e alla potente lobby agroindustriale del Paese. Infine Sergio Massa, 43 anni è avvocato, peronista indipendente.

Un eventuale ballottaggio si terrà il 22 novembre.

Domenica, intanto, 22 milioni di argentini sceglieranno il successore di Cristina Fernández Kirchner, spesso accusata di clientelismo, chiudendo dodici anni di potere alternato della “presidenta” e dell’ormai defunto marito Néstor.

L’Argentina è una repubblica federale e conta 42 milioni di abitanti. Le sue condizioni sociali sono difficili. Le Organizzazioni non governative rilevano che la povertà – la mancanza di mezzi per vivere in modo degno – è al 28%, anche se l’esecutivo nega. Mentre l’inflazione è alle stelle – circa 25% – che erode i salari. Anche se la povertà è quasi dimezzata rispetto al record del 52% degli “anni neri”, ovvero tra il 2001 e il 2002.

Al prossimo presidente spetterà, in primis, lo sforzo di prendere coscienza del problema e a provare a risolverlo.

Ti potrebbe interessare anche

Powered byOnlyYouAdvertising