• Think News | rss
  • Think News | contatti
  • Think News | Flickr
  • Think News | YouTube
  • Think News | Twitter
  • Think News | Facebook
23 giugno 2017

CON IL FAI GLI ITALIANI SCOPRONO I LORO “LUOGHI DEL CUORE”

21 febbraio 2015

Di Helene Pacitto – Un “luogo del cuore” da proteggere e preservare. Ogni italiano ne ha uno, e il Fai (Fondo ambiente italiano) ha deciso di realizzare anche quest’anno una speciale classifica che li vede elencati uno per uno. Al primo posto troviamo il Convento dei Frati Cappuccini, un vero e proprio gioiello storico-artistico che dal Seicento, ormai, domina la baia di Monterosso al Mare, in Liguria. Oggi è abitato da Padre Renato, un frate cappuccino, e dal alcune opere prestigiose come una “Crocefissione” del XVII secolo attribuita ad Antoon van Dyck e “La Veronica” di Bernardo Strozzi.
Alla settima edizione del censimento nazionale “I luoghi del Cuore” hanno partecipato, stavolta, più di un milione e 600 mila italiani. In classifica a scendere, subito dopo questa amenità ligure, si sono piazzati la Certosa di Calci (Pisa), il Castello di Calatubo (Alcamo, provincia di Trapani) il Museo del Cappello Borsalino (Alessandria) e la Chiesa di Sant’Agnello (Maddaloni, Caserta).
Si tratta di una classifica speciale, perché mette in luce dei luoghi ai quali gli italiani sono particolarmente affezionati: si basa, dunque, sull’attaccamento al proprio territorio (che è sempre un ottimo sentimenti), ma anche sull’espressione di un fortissimo e spontaneo senso civico.
Il censimento ci porta sotto gli occhi luoghi che sono emblematici dei grandi problemi e dei grandi temi di tutela dei beni culturali nel nostro paese; si guardi, ad esempio, proprio al podio, dove al primo posto è ben rappresentato il gravissimo male, molto italiano, del dissesto idrogeologico, con il crollo del muro di cinta del convento di Monterosso vincitore del censimento.
“La sorprendente mobilitazione registrata, dimostra quanto questa iniziativa sia sempre più strumento di aggregazione, di scambio di idee ed esperienze”, ha spiegato il presidente del Fai, Andrea Carandini. E non si tratta di una classifica fine a se stessa: i primi tre classificati, infatti, potranno presentare un progetto e riceveranno un contributo per la realizzazione. E anche gli altri luoghi presenti in classifica con almeno 1000 voti potranno candidare specifiche richieste di intervento.

Ti potrebbe interessare anche

Powered byOnlyYouAdvertising