• Think News | rss
  • Think News | contatti
  • Think News | Flickr
  • Think News | YouTube
  • Think News | Twitter
  • Think News | Facebook
25 giugno 2017

DIETRO L’IMBARAZZO RENZI NASCONDE IL SUO ENDORSEMENT PER CALDORO

12 maggio 2015

Di Mimmo De Siano – Ci sono alcuni candidati che non solo sono impresentabili, ma anche ingiustificabili. Detto questo la partita è tra Stefano Caldoro e Vincenzo De Luca. Io non parlerò mai male dei candidati di Caldoro, che è una persona seria, che si presenta a tutti i tavoli con spirito di collaborazione.

Ma di chi sono queste parole?

Chi è che ha fatto questo endorsement nei confronti della serietà di Stefano Caldoro?

A leggere sembrerebbe un suo compagno di partito, sono parole che avrebbe potuto dire Silvio Berlusconi. Niente di tutto questo. Queste parole sono di Matteo Renzi, leader del Partito Democratico, che esprime in Campania il candidato sfidante del governatore uscente.

È chiara la presa di distanza del premier da Vincenzo De Luca.

Renzi, che si è presentato all’opinione pubblica ed ha costruito il consenso sulla ‘rottamazione’, non può sostenere chi alla rottamazione ha sostituito il ‘riciclaggio’. Renzi si aggiunge a chi –  come Gramellini, Polito, Saviano – ha criticato duramente il cinismo con il quale De Luca ha messo insieme postfascisti, postcosentiniani e postdemocristiani pur di tentare di rifarsi di una sconfitta  – quella di cinque anni fa – che ancora brucia.

Il problema che si pone è quello su quale sarà il programma, lo spirito con cui De Luca tenterà di governare la regione. I valori di Predappio o dei cosentiniani?

Un caos destinato a allontanare gli elettori, un caos a cui si aggiunge la lettura univoca dei giuristi. Quello che comunque sarà il risultato è che De Luca è candidabile, ma non potrà governare la Regione per la legge Severino, la stessa legge che ha tenuto fuori dall’agone politico Silvio Berlusconi.

Allora il risultato di questa campagna elettorale – fino ad oggi incerta – appare scontato, e la coerenza ed il lavoro fatto da Stefano Caldoro, assolutamente alla luce del sole e verificabile, non potrà che essere premiato dai cittadini il 31 maggio.

Oggi Renzi ha cambiato il verso alla campagna elettorale, oggi ha sottolineato le contraddizioni di De Luca, le ha fatte esplodere, ha chiuso qui la corsa elettorale del sindaco di Salerno.

Ti potrebbe interessare anche

Powered byOnlyYouAdvertising