• Think News | rss
  • Think News | contatti
  • Think News | Flickr
  • Think News | YouTube
  • Think News | Twitter
  • Think News | Facebook
25 giugno 2017

EMERGENZA NEPAL, 1 MILIONE DI BAMBINI SFOLLATI

29 aprile 2015

Di Helene Pacitto – Gli stati del mondo si stanno mobilitando per aiutare il Nepal dopo il disastroso terremoto.
L’America, il Giappone e anche la Commissione Europea hanno stanziato dei fondi per gli aiuti.

Gli Stati Uniti hanno messo a disposizione 10 milioni di dollari. Lo ha reso noto il segretario di Stato americano, John Kerry, che ha rivolto le “più sentite condoglianze” al popolo nepalese e si è detto scioccato dalle immagini di morte e distruzione causate dalle violente scosse sismiche.

La Cina ha inviato una squadra di 62 persone per contribuire ai soccorsi nelle regioni devastate e deciso di stanziare 20 milioni di yuan di aiuti, pari a 3,3 milioni di dollari, incluse tende, coperte e generatori.

La Commissione europea ha mobilitato 3 milioni di euro. Gli aiuti, che si aggiungono all’assistenza offerta da singoli stati dell’Ue, sono volti a rispondere ai bisogni più urgenti nelle zone più colpite, in particolare l’acqua pulita, medicine, riparo di emergenza ed infrastrutture per le telecomunicazioni.

Per quanto riguarda il nostro Paese , la Cooperazione Italiana ha disposto l’invio di un volo umanitario, che partirà dalla base delle Nazioni unite a Dubai, contenente beni di soccorso e generi di prima necessità destinati alla popolazione del Nepal. Lo rende noto la Farnesina.

Aiuti importanti per i sopravvissuti e per i bambini, circa 1 milone ha stimato l’Unicef, ricordando che centinaia di migliaia di nepalesi dormono in tenda e sono ad altissimo rischio di infezioni.

I bmbini bisognosi di aiuto, secondo lo staff di Save The Children sarebbero addirittura il doppio, quasi due milioni i minori.

Ecco il dato disarmante per ora: oltre 4.000 le vittime, per il premier nepalese la stima potrebbe salire a 10mila. Migliaia gli sfollati, 4 le vittime italiane, secondo la Farnesina sono ancora 40 i nostri connazionali irreperibili.

Ti potrebbe interessare anche

Powered byOnlyYouAdvertising