• Think News | rss
  • Think News | contatti
  • Think News | Flickr
  • Think News | YouTube
  • Think News | Twitter
  • Think News | Facebook
25 giugno 2017

GIORGIO NAPOLITANO SI E’ DIMESSO

14 gennaio 2015

Di Maria Romano – Giorgio Napolitano si è dimesso. Non è più presidente della Repubblica italiana dalle 10:35 di mercoledì, quando ha firmato la lettera con cui ha ufficializzato il suo addio, dopo quasi nove anni. E dopo averlo ampiamente annunciato anche nel discorso di fine anno.

Per la prima volta era salito al Colle il 15 maggio del 2006; poi, il 20 aprile del 2013, dopo un’elezione travagliata aveva assunto nuovamente l’incarico dopo la richiesta di un’ampia compagine parlamentare, divenendo il primo presidente italiano eletto per due mandati, nella storia della Repubblica italiana.

Le operazioni per l’elezione del nuovo Capo dello Stato cominceranno il 29 di gennaio, alle ore 15:00.

Nel frattempo, mentre si è aperta ufficialmente la corsa per il suo successore, il presidente del Senato Piero Grasso svolgerà le funzioni di Presidente della Repubblica.

COME SI ELEGGE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA IN ITALIA

A eleggere il Capo dello Stato è il Parlamento in seduta comune: ai componenti della Camera e del Senato, si aggiungono delegati eletti dai consigli regionali – tre per ogni consiglio regionale ad eccezione della Valle d’Aosta che ne elegge uno.

Una volta al completo l’assemblea per l’elezione del presidente è formata da: 630 deputati; 315 senatori eletti più i senatori a vita (Si tratta dei 5 nominati – Elena Cattaneo, Carlo Azeglio Ciampi, Mario Monti, Renzo Piano e Carlo Rubbia – a cui si aggiunge anche lo stesso Giorgio Napolitano); 3 delegati per 19 regioni; 1  delegato della Valle d’Aosta.

Sulla carta, in tutto, sono 1009 le persone che esprimeranno il loro voto con scrutinio segreto e a chiamata nominale. Il cognome viene scritto su un foglietto che viene poi depositato nell’urna.

Per i primi tre scrutini si richiede la maggioranza di due terzi (che in questo caso è composto da 672 membri), mentre dalla quarta votazione in poi è sufficiente la maggioranza assoluta (quindi il 50 per cento più uno, che in questo caso corrisponde a 505 membri).

Ti potrebbe interessare anche

Powered byOnlyYouAdvertising