• Think News | rss
  • Think News | contatti
  • Think News | Flickr
  • Think News | YouTube
  • Think News | Twitter
  • Think News | Facebook
25 giugno 2017

IL DRAMMA DELLE CARCERI? NON SI AFFRONTI CON MISURE DI EMERGENZA

05 dicembre 2014

Di Sabrina Vincenzo – Non si può pensare di risolvere il problema del sovraffollamento carcerario se non mettendo in campo investimenti, costruendo nuove carceri, rifondando da principio l’intero sistema.

Insomma, non bastano misure di emergenza per tamponare una crisi che è sotto l’occhio di tutti e che continua a costituire per il nostro paese motivo di vergogna e sconforto. Già perché non è una frase fatta: lo stato delle carceri nel nostro paese è evidentemente espressione del grado di civiltà di un paese. E il nostro paese sotto questo punto di vista è indietro. Molto indietro.

Continuare a mettere un pezza, a tamponare la situazione senza mai risolverla definitivamente, rimandare l’evidenza di un problema convincendosi che un piccolo palliativo possa costituire una risposta per far contento chi con forza evidenzia un dramma umano e sociale, è chiaramente solo un modo per illudersi. Anche perché, spesso, si rischia di far peggio. Le buone intenzioni, se non  sono supportate da un pensiero ampio e strutturale finiscono per creare un danno, andando magari a depotenziare interventi e garanzie che sono state conquistate e che sono un traguardo fondamentale, come succede nel caso di abusi e violenze nei confronti di donne e minori.

Lo spiega chiaramente la deputata di Forza Italia, Mara Carfagna: “Se ho deciso di astenermi in alcune votazioni sulla riforma della custodia cautelare è perché se da un lato riconosco l’abuso di carcerazione preventiva che si è fatto fino ad oggi in Italia (in media 1/3 delle persone sottoposte a custodia cautelare si rivelerà innocente oltre ogni ragionevole dubbio), reputo altrettanto prioritario non abbassare le garanzie e le tutele nei confronti di quelle donne o di quei minori che subiscono violenza”.

 

Ti potrebbe interessare anche

Powered byOnlyYouAdvertising