• Think News | rss
  • Think News | contatti
  • Think News | Flickr
  • Think News | YouTube
  • Think News | Twitter
  • Think News | Facebook
25 giugno 2017

IN 9 MLN SUI BANCHI. MATTARELLA SARA’ A PONTICELLI, SCUOLA “SPECIALE” DI PERIFERIA

14 settembre 2015

Di Silvia Prato – Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, il 28 settembre inaugurerà il nuovo anno scolastico all’istituto professionale “Davide Sannino” a Ponticelli, Napoli.

Una scuola di periferia speciale, intitolata ad una giovane vittima della criminalità: Davide Sannino frequentava questa scuola quando nel 1996 “osò” guardare in faccia il malvivente che voleva rubare il motorino del suo amico. Venne ucciso per questo.

L’istituto a lui intitolato ha avviato negli anni importanti attività per salvaguardare i ragazzi dalla strada, da una vita lontano dalla legalità che segnerebbe per sempre il loro futuro.

La scelta di Mattarella è ricaduta sulla scuola di Ponticelli dopo che alcune settimane fa degli emissari del Quirinale in incognito – presentatisi come ispettori del Ministero dell’Istruzione – fece visita per ispezionare la scuola e per parlare con il dirigente scolastico delle iniziative interne all’istituto. La scuola, inoltre, il 21 marzo non solo ricorda la morte del giovane Davide, ma anche quella di Piersanti Mattarella, fratello del Capo dello Stato, assassinato da Cosa Nostra nel 1980, durante il mandato di presidente della Regione Sicilia.

Tanti gli indirizzi da scegliere: enogastronomico, accoglienza turistica, audiovisivi, odontotecnico, moda, elettronico.

Il 28 settembre nel piazzale dell’istituto ci saranno rappresentanze di studenti da tutta Italia e molti ragazzi metteranno in scena delle performance.

Per un giorno le polemiche sulla riforma della scuola passeranno in sordina. Ora che quasi 9 milioni di studenti in Italia sono ritornati sui banchi di scuola e 8.532 studenti precari hanno accettato le cattedre (quasi il 97%).

Sulla riforma pende, in ogni caso, la raccolta firme per il referendum abrogativo e i ricorsi presentati da alcune Regioni contro il nuovo provvedimento, tra queste Puglia e Veneto.

Ti potrebbe interessare anche

Powered byOnlyYouAdvertising