• Think News | rss
  • Think News | contatti
  • Think News | Flickr
  • Think News | YouTube
  • Think News | Twitter
  • Think News | Facebook
23 giugno 2017

ISTAT, I DATI DELL’OCCUPAZIONE TORNANO A CALARE

01 aprile 2015

Di Luigi Crespi – Secondo i dati Istat, la fiducia delle imprese a Marzo sale a 103 dal 97,5 di Febbraio toccando il livello più alto 2008.La crescita è generale e coinvolge tutti i comparti economici.Sempre a Marzo la fiducia dei consumatori segnala un nuovo aumento e sale al 110,9 dal 107,7 di Febbraio (quando aveva segnato il livello più alto da Giugno 2002).

È il dato più alto da quasi 13 anni (Maggio 2002). Migliorano i giudizi sulla situazione economica del Paese e le aspettative sulla disoccupazione.

Leggero miglioramento anche per i prezzi al consumo.

Più in rosa anche la situazione personale; a Marzo sia i giudizi che le attese sulla situazione economica della propria famiglia sono più ottimistici. Coloro che esprimono giudizi negativi, per esempio, calano al 39,1% dal 41,5.
Questi i dati istat che certificano la fine della depressione da crisi. Aziende e consumatori vedono un futuro rosa e carico di aspettative finalmente positive.

Il clima da sogno è durata un solo giorno perché questa mattina il risveglio è stata una doccia fredda.

Il tasso di disoccupazione è tornato a salire al 12,7% a Febbraio, dopo il ”forte calo” di Dicembre e l’ulteriore diminuzione di Gennaio.

L’Istat nei dati provvisori segnala un aumento di 0,1 punti sul mese e di 0,2 punti sull’anno, che riporta il tasso al livello di Dicembre.

istatI disoccupati sono 23 mila in più.

Colpiti ancora una volta i giovani (tra i 15 e i 24 anni) al 42,6% con un aumento di 1,3 punti rispetto al mese precedente e di 0,1 punti rispetto all’anno precedente.

A febbraio ci sono 868 mila giovani occupati, 40 mila in meno rispetto all’anno precedente e 34 mila in meno rispetto a Gennaio.

Crescono anche gli inattivi fino a 4,4 milioni di ragazzi e aumentano di 35 mila unità in una anno e di 20 mila unità in un mese. Il tasso di inattività giovanile tocca così il 74,6%.

Il tasso di disoccupazione in Italia, come già dicevamo è stato a febbraio più alto della media dell’Eurozona (11,3%).

Secondo i dati Eurostat, la disoccupazione italiana è la sesta più alta della Ue dopo Grecia (26,0%, dato di dicembre 2014), Spagna (23,2%), Ungheria (18,5%), Cipro (16,3%) e Portogallo (14,1%).

La percezione positiva delle aziende e dei consumatori si schianta così sulla drammaticità dei dati reali che impietosi sembrano certificare che le iniziative del governo non stiano dando certamente i risultati tanto attesi.

I segnali che indicano che la crisi stia finendo sono contraddittori e forse bisogna aspettare più tempo.

Ma di sicuro, le aspettative e le speranze che Matteo Renzi ha saputo sostanziare con successo devono trovare conferma reale tra la gente altrimenti il primo ad esserne travolto sarà proprio lui.

Il tempo sta scadendo…

Ti potrebbe interessare anche

Powered byOnlyYouAdvertising