• Think News | rss
  • Think News | contatti
  • Think News | Flickr
  • Think News | YouTube
  • Think News | Twitter
  • Think News | Facebook
25 giugno 2017

ITALIA PAESE CHE SOFFRE: L’ISTAT FOTOGRAFA IL PAESE NEL SUO ANNUARIO

23 dicembre 2014

 

Di Rossella Russo – Una fotografia triste quella che emerge dall’Annuario dell’Istat: l’Italia è un Paese che soffre, a tutti i livelli e in tutti i settori. Si soffre soprattutto per mancanza: mancanza di lavoro, di istruzione, di serenità.

LAVORO – Nel 2013 il numero degli occupati ha registrato una forte contrazione, persi 478mila occupati rispetto al 2012, -2,1%, calo che porta il tasso di occupazione per la fascia 15-64 anni al 55,6%, “molto al di sotto del dato Ue, 64,1%”.

ISTRUZIONE – Poco più della metà dei ragazzi che si diplomano proseguono gli studi iscrivendosi all’Università: nell’anno accademico 2012-2013 il tasso è stato del 55,7%.

CULTURA – Dato positivo per quanto riguarda la cultura: seppur è vero che è confermato il fatto che gli italiani non leggono quotidiani e libri, bene vanno i settori culturali fuori casa, dai teatri ai concerti, fino ai musei.

 

GIOVANI – L’Italia si conferma un Paese sempre più vecchio, tanto che al 1° gennaio 2013 l’indice di vecchiaia è di 151,4 anziani ogni 100 giovani (148,6 nel 2012), confermando l’Italia al secondo posto nell’Ue a 27 dopo la Germania (160).

SALUTE – Cala il numero dei fumatori, anche se resta preoccupante il dato dei giovani che si avvicinano alle sigarette. Nel complesso nel 2014, afferma l’Istat, il 70% della popolazione ha dato un giudizio positivo del proprio stato di salute, più elevato fra gli uomini (73,8%) che fra le donne (66,3%).

ECONOMIA – L’economia continua ad essere un tasto dolente, tanto che le vendite al dettaglio ad ottobre non registrano miglioramenti rispetto a settembre, addirittura scendono dello 0,8% su base annua, registrando così il sesto calo consecutivo nel confronto tendenziale.

 

Ti potrebbe interessare anche

Powered byOnlyYouAdvertising