• Think News | rss
  • Think News | contatti
  • Think News | Flickr
  • Think News | YouTube
  • Think News | Twitter
  • Think News | Facebook
25 giugno 2017

ITALIA: SERENA E IN EMERGENZA?

10 aprile 2015

Di Rossana Spartà – Quanto accaduto ieri a Milano ci ha lasciati tutti sgomenti? Forse non è andata proprio così.
Mentre il governo Renzi cerca di diffondere buon umore e serenità, c’è chi questi gesti li teme da tempo.

Non sono maghi, veggenti o stregoni, bensì chi opera quotidianamente con imprese e imprenditori, dimensione parallela dello stesso Paese.
Entità che si conoscono e si temono, tutti malati della stessa malattia: la crisi.

Al momento tutti senza cura.

Le pillole di ottimismo distribuite per il benessere futuro non curano i moribondi di oggi.
I piccoli imprenditori sono allo stremo: hanno finito i soldi, hanno esaurito le forze, hanno perso casa e aziende: è rimasto loro un unico “patrimonio”, quello con Equitalia.

Potranno venire centinaia di governi con altrettante centinaia di uomini a proporre cure lungimiranti per questo Paese, che è bene ricordare ha iniziato la sua lenta agonia nel 2008, ma non serviranno a nulla.

I moribondi vanno curati oggi e la cura devono pretenderla assieme ai loro assistiti,le associazioni di categoria, gli ordini dei professionisti e chi più ne ha più ne metta, con azioni rapide ed efficaci.

La crisi divora. Annienta.

L’essere soli porta all’esasperazione. E quest’ultima porta gli uomini a compiere atti estremi come quello di ieri a Milano.

Non è stato il gesto di un folle e sbaglia chi lo definisce tale.

E sbaglia pure chi questo atto lo giustifica. Niente e nessuno può giustificare una mano armata.

L’esasperazione sta dilagando ed è una bomba ad orologeria.

Dietro ad ogni sportello dei vari uffici di riscossione, in ogni aula di Tribunale, all’interno di ogni qualsivoglia ufficio ci sono altrettanti uomini e famiglie costretti ogni giorno ad assistere impotenti a scene di ordinaria disperazione. Silenziosi e involontari complici di un sistema che deve smettere di esistere.

Agli “uomini di buona volontà” va chiesta la risoluzione politica immediata per intervenire in quella che da “sereni” possiamo definirla una vera e propria emergenza.

Ti potrebbe interessare anche

Powered byOnlyYouAdvertising