• Think News | rss
  • Think News | contatti
  • Think News | Flickr
  • Think News | YouTube
  • Think News | Twitter
  • Think News | Facebook
26 giugno 2017

LA GESTIONE DEI GRANDI ESODI DI MASSA NEL MEDITERRANEO

20 aprile 2015

Di Michele Giordano – Mi ha scosso profondamente l’ennesima tragedia del mare! Non c’è nulla di umano in tutto questo. In particolare, l’indifferenza con la quale l’Europa rimane sorda ! Ipotesi di come gestire i grandi esodi di massa che si stanno generando negli ultimi anni:

L’unico modo per rendere sensibile la Comunità Europea è :

A) agire di imperio con un provvedimento che ad ogni ingresso di profughi su suolo Nazionale, il numero viene ripartito in aggregazioni famigliari e per quote “in millesimi” da distribuire tra i differenti Stati membri; ne più ne meno di come si interviene nei Condomini.

B) le stesse attività logistiche sono solo anticipate nei costi dal nostro Paese e ogni due mesi recuperate in quota da tutti gli Stati Membri.

C) ogni Paese, disciplinerà in autonomia la condizione di rifugiato o clandestino.

D) la permanenza su suolo Nazionale dei profughi per la quota eccedente quella attribuita di volta in volta al nostro Paese non può essere superiore a una settimana.

Dopo un provvedimento così eseguito, sono certo che ogni Paese membro della Comunità avrà la nostra piena attenzione su un problema Sociale e Umanitario di così grandi proporzioni.

Inoltre, va modificato per motivi umanitari il trattato sulle Acque Internazionali. Consentendo solo a speciali unità di Sicurezza Navale di solcare anche le coste dei Paesi affacciati sul Mediterraneo. Definendo così una rete di monitoraggio totale delle coste africane, arabe, turche e della Grecia. “Operazione Ventaglio”, idonea a scoraggiare e scongiurare la partenza di queste “chiatte della speranza” o, meglio, “bare del mare”.

Ad oggi si è cercato di gestire – anche male -, solo una parte del problema ma, nessuno della Comunità ha ancora oggi affrontato in modo organico il tema del “dopo lo sbarco” sulle ns coste. Gli stati membri, alle ns comuni frontiere, non consentono agli stessi rifugiati il transito! Originando ulteriori calvari e carogne che vivono e speculano nella tragedia !

Dov’è l’Italia ? Dov’è la Vittoria!

Il percorso, poi, dovrà favorire ogni anno, il prelievo diretto di una quota di extracomunitari in modo da generare  flussi migratori controllati.
Tenendo sempre come prioritari i rifugiati per ragioni di conflitti e guerre civili .

* Presidente di ONLYOU ADV

Ti potrebbe interessare anche

Powered byOnlyYouAdvertising