• Think News | rss
  • Think News | contatti
  • Think News | Flickr
  • Think News | YouTube
  • Think News | Twitter
  • Think News | Facebook
23 giugno 2017

LA STORIA DI INDHUJA CHE IN INDIA VUOLE AFFERMARE SE STESSA

04 marzo 2015

Di Helene Pacitto – Sicuramente non si aspettava di diventare un fenomeno virale sul web, ma quando la 23enne indiana Indhuja Pillai ha scoperto che i suoi genitori avevano realizzato per lei un annuncio matrimoniale ha deciso di reagire, in un suo modo originale, ma molto efficace. Ed è diventata una vera e propria eroina.
Indhuja dice chiaramente di non essere “materiale da matrimonio”, ma nell’azione dei genitori, in fondo, non vede nulla di strano, in India è pratica comune; quello che non le va già è la rappresentazione che viene data di lei. “Questa non sono io” è la prima cosa che ha pensato vedendo il profilo realizzato dalla sua famiglia. E allora l’idea: decide di ribellarsi, di raccontare la sua vera identità, senza menzogne, senza filtri. Solo Indhuja. Perché il punto della sua “protesta” non è tanto contro la pratica del matrimonio combinato, ma contro l’immagine di lei che è stata “venduta” dai suoi genitori.
Sono una persona solitaria. Le persone pensano io sia strana, un alieno. Mi piace stare per i fatti miei e viaggiare da sola. E di certo non mi voglio sposare ora“.
E’ per affermare questa sua identità che decide di reagire all’annuncio dei suoi genitori creando una sua personale pagina matrimoniale: nasce, allora, il sito marry.indhuja.com, senza alcuna intenzione se non quella di affermare in maniera ironica la sua personale verità.
Nella pagina si presenta per quella che è: un maschiaccio! Con le idee chiare, per di più: vuole un “uomo, preferibilmente con la barba, che sia intenzionato a vedere il mondo. Qualcuno che si guadagna da vivere e che NON odi il suo lavoro. Qualcuno che non sia attacca ai suoi genitori, anzo, meglio che NON sia un tipo ‘tutta famiglia’. Anzi, guadagna punti se odia i bambini. Altri punti li prende se ha una bella voce e una bella personalità. Dovrebbe poter portare avanti una conversazione per almeno 30 minuti“.
Il profilo “alternativo”, però, contrariamente alle stesse aspettative della ragazza, diventa virale. Ad Indhuja arrivano numerosi messaggi di apprezzamento e, in realtà, anche diverse proposte di matrimonio, da parte di chi deve aver preso la pagina fin troppo sul serio.
E’ lei stessa, però, a spiegare che le risposte più interessanti sono quelle che le sono arrivate da parte di alcune ragazze: “penso che le donne abbiano trovato la mia volontà di battermi per la mia individualità coraggiosa e abbastanza rara in india. Volevo solo mostrare che possiamo parlare di chi siamo realmente“.
E alla fine, anche i genitori hanno capito il messaggio, e sono stati felici del fatto che tante persone abbiano trovato esemplare la presa di posizione della figlia. Anche se non hanno rinunciato a chiedere se c’era davvero qualcuno che la ragazza reputasse interessante…

Ti potrebbe interessare anche

Powered byOnlyYouAdvertising