• Think News | rss
  • Think News | contatti
  • Think News | Flickr
  • Think News | YouTube
  • Think News | Twitter
  • Think News | Facebook
25 giugno 2017

LA VITA DA UNO SCHERMO. ABACO, PC, TABLET: GLI STEP CHE HANNO CAMBIATO L’ESISTENZA

14 agosto 2015

Di Sofia Peppi – L’era dei Pc di massa inizia più o meno 34 anni fa, quando la statunitense Ibm introdusse il “5150” nel mercato dei computer casalinghi. Era il 12 agosto 1981. L’Ibm oggi ha ceduto il marchio alla Cina.

Non era certamente il primo. Nel 1977 nacque, infatti, l’Apple II, il primo computer per il quale fu usata l’espressione “personal computer”, era il primo modello di successo di tale categoria prodotto su scala industriale.

Fondatore di Apple Inc. nel 1976 a Cupertino, nella Silicon Valley in California, è stato l’imprenditore Steve Jobs, amministratore delegato dell’azienda fino al 24 agosto 2011, quando si è dimesso per motivi di salute, poco prima di morire. L’Apple ha prodotto anche l’iPhone 6, l’azienda detiene il record di smartphone più venduto al mondo.

Gli strumenti per il calcolo sono, in realtà, antichissimi. L’abaco può considerarsi l’antesignano del computer, tra i più antichi strumenti di calcolo utilizzati dall’uomo sin dal 2.000 avanti Cristo in Cina.

Negli anni Trenta c’era il memex, memory expansion. Le sue caratteristiche rivoluzionarie ne fanno un antenato dell’odierno personal computer. Era un dispositivo di tipo elettro-ottico che all’epoca rappresentava la più avanzata e promettente forma di archiviazione delle informazioni. Il memex era descritto come una “scrivania” dotata di “schermi traslucidi”, una tastiera, un set di bottoni e leve.

In seguito negli Stati Uniti nacque l’Abc, l’Atanasoff berry computer, il primo computer digitale totalmente elettronico.

Vennero poi gli enormi calcolatori a valvole realizzati a fini bellici dall’esercito degli Stati Uniti tra il 1944 e il 1951.

Tra gli anni 50 e 70 anche in Italia nascono i primi processori prodotti da Olivetti.

Nel 1975 venne realizzato a Torino il primo microcomputer con tutte le funzioni tipiche dei personal computer, il nome era MD 800 e venne realizzato da due giovani ingegneri che fondarono nel 1976 la società DMD.

Nel 1984 Microsoft iniziò ad annunciare l’arrivo di Windows, un’interfaccia grafica che avrebbe applicato al suo sistema operativo MS-DOS che era venduto con i PC IBM e compatibili dal 1981.

È sempre Microsoft che nel 2000 propone il Tablet, la prima variante al Pc.

L’evoluzione informatica non ha fine. Il Pc diventa sempre più piccolo, i processori sempre più minuscoli. Gli ingegneri propongono soluzioni che favoriscano un uso agevole di Pc, smartphone e tablet come oggetti personali irrinunciabili, che scandiscono la vita quotidiana di milioni di persone al mondo.

Vita privata, lavoro e svago a portata di mano, è il caso di dire, indissolubilmente legati ad uno strumento di comunicazione ormai vitale.

Ti potrebbe interessare anche

Powered byOnlyYouAdvertising