• Think News | rss
  • Think News | contatti
  • Think News | Flickr
  • Think News | YouTube
  • Think News | Twitter
  • Think News | Facebook
25 giugno 2017

OSCAR, IL VISIONARIO “BIRDMAN” E’ IL MIGLIOR FILM DEL 2015

23 febbraio 2015

Di Monica Gasbarri – Il cinema celebra… il cinema. Gli Academy Award hanno scelto “Birdman” del visionario Alejandro G. Inarritu come Miglior Film nell’edizione 2015 dei premi Oscar. La più prestigiosa delle statuette, nella serata della più prestigiosa delle premiazioni in fatto di Cinema, è stata assegnata al film che, nonostante la feroce concorrenza, era dato per vincente dopo essersi spartito con il rivoluzionario “Boyhood” tutti gli altri award assegnati nelle varie premiazioni collaterali partendo dai Golden Globe.

E il successo di Birdman non si è fermato a un solo Oscar; ne ha collezionati 4, tra cui quello per la miglior regia che, per il secondo anno consecutivo, va a un regista messicano – come ha simpaticamente ricordato lo stesso Inarritu. Il riferimento è ovviamente ad Alfonso Cuaron che, lo scorso anno, fece manbassa di premi grazie a Gravity.

Ma tornando all’edizione 2015, il grande “escluso” in un certo senso è proprio Boyhood: è vero, Patricia Arquette si è aggiudicata il premio come miglior attrice non protagonista – non c’era quasi storia in questa categoria – ma al regista Richard Linklater non è stato di sicuro tributato il meritato riconoscimento per un film che è praticamente la presa diretta dell’adolescenza di un ragazzino tormentato. Un film girato nell’arco di 12 anni, un progetto epico, che sicuramente meritava di più.

Ma l’attrattiva di un film che ha per protagonista un attore, non poteva non sedurre la giuria degli Academy che, tuttavia, non si è smentita, premiando come migliori attore e attrice protagonista, quei ruoli impegnativi e faticosi che hanno caratterizzato sia Julianne Moore (per la sua performance in Still Alice) che Eddie Redmayne (per l’incredibile interpretazione del professor Stephen Hawking, nell’emozionante biopic che ha portato al cinema la vita del coraggioso professore affetto da Sla).

L’edizione di quest’anno, però, sarà ricordata anche, di certo, per non essere stata probabilmente all’altezza di quella davvero memorabile del 2014, quando la conduzione brillante di Ellen DeGeneres, e le sue gag conquistarono letteralmente la rete e i social. Un risultato troppo duro da pareggiare, perfino per Neil Patrick Harris.

Oscar per il miglior film
American sniper
Birdman
Boyhood
The grand Budapest hotel
The imitation game
Selma
La teoria del tutto
Whiplash

Oscar per il miglior regista
Alejandro González Iñarritu per Birdman
Richard Linklater per Boyhood
Bennett Miller per Foxcatcher
Wes Anderson per The grand Budapest hotel
Morten Tyldum per The imitation game

Oscar per la migliore attrice
Felicity Jones per La teoria del tutto
Rosamund Pike per Gone Girl
Julianne Moore per Still Alice
Reese Witherspoon per Wild
Marion Cotillard per Two days one night

Oscar per il miglior attore
Michael Keaton per Birdman
Eddie Redmayne per La teoria del tutto
Benedict Cumberbatch per The imitation game
Steve Carell per Foxcatcher
Bradley Cooper per American Sniper

Oscar per la miglior attrice non protagonista
Emma Stone per Birdman
Patricia Arquette per Boyhood
Keira Knightley per The imitation game
Meryl Streep per Into the woods
Laura Dern per Wild

Oscar per il miglior attore non protagonista
Edward Norton per Birdman
Ethan Hawke per Boyhood
J.K. Simmons per Whiplash
Mark Ruffalo per Foxcatcher
Robert Duvall per The judge

Oscar per la miglior sceneggiatura originale
Richard Linklater per Boyhood
Alejandro González Iñárritu, Nicolás Giacobone, Alexander Dinelaris e Armando Bo per Birdman
Wes Anderson e Hugo Guinness per The Grand Budapest Hotel
Dan Gilroy per Nightcrawler
E. Max Frye e Dan Futterman per Foxcatcher

Oscar per la miglior sceneggiatura non originale
Damien Chazelle per Whiplash
Anthony McCarten per La teoria del tutto
Graham Moore per The Imitation Game
Jason Hall per American sniper
Paul Thomas Anderson per Inherent vice

Oscar per la miglior fotografia
Roger Deakins per Unbroken
Emmanuel Lubezki per Birdman
Robert D. Yeoman per The Grand Budapest Hotel
Dick Pope per Mr. Turner
Lukasz Zal eRyszard Lynzewski per Ida

Oscar per il miglior film d’animazione
The Boxtrolls di Anthony Stacchi, Graham Annable e Travis Knight
Big hero 6 di Don Hall, Chris Williams e Roy Conli
How to train your dragon 2 – Dragon trainer 2 di Dean DeBlois e Bonnie Arnold
Song of the Sea di Tomm Moore e Paul Young
The tale of the princess Kaguya di Isao Takahata e Yoshiaki Nishimura

Oscar per il miglior documentario
Finding Vivian, di MaierJohn Maloof e Charlie Siskel
Last Days in VietnamRory Kennedy e Keven McAlester
CitizenFour, di Laura Poitras, Mathilde Bonnefoy and Dirk Wilutzky
The Salt of the Earth, di Wim Wenders, Juliano Ribeiro Salgado e David Rosier
Virunga, di Orlando von Einsiedel e Joanna Natasegara

Oscar per il miglior film straniero
Leviathan (film dalla Russia)
Ida (film dalla Polonia)
Tangerines (film dall’Estonia)
Timbuktu (film dalla Mauritania)
Wild tales – Relatos salvajes (film dall’Argentina)

Oscar per il migliori costumi
Colleen Atwood per Into the Woods
Anna B. Sheppard per Maleficent
Milena Canonero per The Grand Budapest Hotel
Jacqueline Durran per Mr. Turner
Mark Bridges per Inherent vice

Oscar per la miglior canzone
Lost Stars di Gregg Alexander, Danielle Brisebois, Nick Lashley e Nick Southwood in Begin again
Everything is awesome di Shawn Patterson in The Lego movie
I’m not gonna miss you di Glen Campbell in Glenn Campbell: I’ll be me
Glory di Common e John Legend in Selma
Grateful in Beyond the lights

 

    Powered byOnlyYouAdvertising