• Think News | rss
  • Think News | contatti
  • Think News | Flickr
  • Think News | YouTube
  • Think News | Twitter
  • Think News | Facebook
23 giugno 2017

PER IL NEW YORK TIMES LA DIETA MEDITERRANEA E’ UNO STILE DI VITA

02 dicembre 2015

Di Gaja Barillari – Il New York Times, il celebre quotidiano statunitense, ha dedicato uno spazio a quella che considera la patria della Dieta Mediterranea, il piccolo centro marinaro di Pollica-Acciaroli, nel territorio cilentano, a sud della provincia di Salerno. Il lungo articolo è a firma di Anahad O’Connor.

Al centro dell’articolo, il documentario dal titolo “Pioppi Protocol”, realizzato dal cardiologo britannico Aseem Malhotra, che si candida ad essere il lavoro più esaustivo mai realizzato sulla salute del cuore. Protagonista del documentario, come racconta il NYT, la piccola frazione di Pioppi, dove per decenni svolse la sua attività di ricerca il medico statunitense Ancel Keys e dove il dottor Malhotra e una troupe, diretta dal regista Donal O’Neill, si sono recati per scoprire i segreti della dieta.

Al centro della tesi del cardiologo londinese vi è la convinzione che «non c’è una vera e propria “Dieta Mediterranea”. I veri segreti della longevità del Mediterraneo – spiega Malothra – sono certamente anche il cibo, ma ci sono ulteriori fattori legati a uno stile di vita che abbiamo ormai dimenticato. Siamo quindi tornati alla fonte per recuperare queste lezioni».

E la fonte che racchiude il segreto della longevità è proprio la piccola frazione di Pollica, dove – spiega il New York Times – la dieta mediterranea è uno «stile di vita», dove il cibo «è una scusa per socializzare con amici e familiari, dove la gente trascorre un sacco di tempo all’aria aperta” e dove camminare e andare in bicicletta sono le attività fisiche preferite».

Aseem Malhotra, come ricorda anche il quotidiano statunitense, ha ora lanciato una campagna pubblica per raccogliere 50.000 sterline che serviranno a produrre e a distribuire “The Pioppi Protocol”. All’origine della decisione, il rischio che i finanziamenti di aziende e multinazionali del settore possano “condizionare” il documentario.

Ti potrebbe interessare anche

Powered byOnlyYouAdvertising