• Think News | rss
  • Think News | contatti
  • Think News | Flickr
  • Think News | YouTube
  • Think News | Twitter
  • Think News | Facebook
26 giugno 2017

PIL PRO-CAPITE E REDDITI, ESISTE ANCORA UN’ITALIA A DUE VELOCITA’

09 febbraio 2015

Di Monica Gasbarri – Nord-Ovest “locomotiva” d’Italia anche nel 2013. Secondo il report dell’Istat relativo ai “Conti economici trimestrali”, infatti, in questa area dell’Italia, il Pil per abitante nel 2013 e’ risultato pari a 33,5 mila euro; rimane superiore ai 31,4 mila euro del Nord-est e anche ai 29,4 mila euro del Centro.

Il dato, però, diventa particolarmente duro se si confronta con il Mezzogiorno: il divario è a dir poco allarmante, ed è solo l’ennesimo indicatore che conferma l’esistenza di un’Italia a due (o forse tre) velocità.

Se si pensa che nel Sud del paese il livello di Pil pro capite è di 17,2 mila euro, il gap a cui ci troviamo di fronte è impressionante: sebbene tutte le regioni italiane (esclusa la Campania e Bolzano) siano state interessate da un calo del Pil pro-capite, i valori del Meridione sono praticamente dimezzati rispetto a quelli del Nord-Ovest.

Tra le regioni del Mezzogiorno, la sola a registrate percentuali paragonabili a quelle del Centro è l’Abruzzo, con 23mila euro.  Ultimo posto di questa classifica infelice, invece, spetta alla Calabria con 15,5 mila euro: rispetto a Bolzano (che è in vetta) la differenza raggiunge la percentuale del 61%.

Si tratta di una forbice che non è giustificabile all’interno di una stessa realtà economica nazionale.

Ti potrebbe interessare anche

Powered byOnlyYouAdvertising