• Think News | rss
  • Think News | contatti
  • Think News | Flickr
  • Think News | YouTube
  • Think News | Twitter
  • Think News | Facebook
24 giugno 2017

QUANDO È DIFFICILE PARLARE, TOCCA A NOI SAPER ASCOLTARE – VIDEO

04 febbraio 2015

Di Helene Pacitto – La National Football League ha dato prova di aver preso a cuore la questione della violenza sulle donne: per la prima volta, durante il Super Bowl – l’evento sportivo più seguito negli Stati Uniti – è stato trasmesso uno spot per sensibilizzare l’opinione pubblica al problema che era esploso anche nel mondo del football con il caso di Ray Rice, il giocatore che aveva picchiato la fidanzata ed era stato sospeso (ma solo per due partite).

Realizzato dall’associazione No More che si occupa proprio di abusi domestici, è stato prodotto con il sostegno della NFL che per l’occasione ha messo a disposizione proprio la sua agenzia pubblicitaria.

Nel video, della durata di 60 secondi, si mette in scena un fatto di cronaca che aveva molto colpito l’opinione pubblica, una volta che era stato rivelato dall’operatore che ne era stato protagonista: una donna, vittima di abusi domestici, era riuscita a contattare il 911 per farsi soccorrere, fingendo di ordinare una pizza, e aggirando così la sorveglianza crudele del marito, al quale non riusciva a ribellarsi.

La telefonata, che viene riportata per intero nello spot, era già stata resa nota dai giornali, ma lo spot ha la capacità di rendere ancora più evidente l’importanza di ascoltare davvero chi ci parla.

“911, ha bisogno di aiuto?”
“123 Main St.”
“Ok, cosa sta succedendo?”
“Vorrei ordinare una pizza”
“Signora, ha chiamato il 911″
“Sì, lo so. Potrei avere una pizza grande con salamino piccante, funghi e peperoni?”
“Mi dispiace, sa di aver chiamato il 911?”
“Certo. Quanto tempo ci vorrà?”
“Signora, va tutto bene? Ha bisogno di aiuto?”
“Sì”
“Non ne può parlare perché c’è qualcuno nella stanza con lei, giusto?”
“Sì, esatto. Quanto tempo pensa ci vorrà?”
“Abbiamo un agente a un miglio da casa sua. Ci sono armi in casa?”
“No”
“Può rimanere al telefono?”
“No. A presto, grazie”

La lezione da imparare è semplice, ma difficilissima: “Quando è difficile parlare, tocca a noi saper ascoltare”.

Ti potrebbe interessare anche

Powered byOnlyYouAdvertising