• Think News | rss
  • Think News | contatti
  • Think News | Flickr
  • Think News | YouTube
  • Think News | Twitter
  • Think News | Facebook
26 giugno 2017

SVOLTA IN TURCHIA, PARTITO DI ERDOGAN PERDE MAGGIORANZA ASSOLUTA

08 giugno 2015

Di Mia Avieno – Fino a domenica, giorno delle elezioni politiche in Turchia per 54 milioni di cittadini, il partito del presidente Erdogan aveva la maggioranza assoluta dei seggi in Parlamento. Ma l’esito dell’ultimo voto ha cambiato completamente lo scenario.

Tra le novità più importanti c’è il successo del partito filocurdo Hdp (Partito Democratico del Popolo) sotto la guida del giovane leader Selahattin Demirtas che ha saputo riposizionarsi come partito della nuova sinistra ecologista, femminista e aperta alla causa degli omosessuali, affermandosi come rappresentate di quelle classi medie urbane che si sono imposte sullo scacchiere politico durante le grandi manifestazioni di due anni fa in piazza Taksim.

Il partito di Demirtas entrerà, infatti, per la prima volta in Parlamento avendo superato la soglia di sbarramento del 10 per cento, ottenendo il 12,8 per cento, pari a 82 seggi. Mentre il partito per la Giustizia e lo Sviluppo di Erdogan, Akp, si è fermato a 258 seggi.

In tutto il Paese i curdi sono scesi in piazza per festeggiare. Intanto Demirtas, nel corso di una conferenza stampa, ha escluso un’alleanza di governo con il partito di ispirazione islamica dell’Akp di Erdogan.

I risultati delle elezioni: il partito per la Giustizia e lo Sviluppo di Erdogan (Akp) ha ottenuto il 40,8%, il movimento d’opposizione Chp il 25,1%, il nazionalista Mhp il 16,4%, il filo-curdo Hdp il 12,9%.

Nonostante la Costituzione turca in vigore preveda che il presidente resti a margine della politica di partito, Erdogan ha partecipato attivamente nelle ultime settimane nella campagna a sostegno del candidato dell’Akp, l’attuale primo ministro Ahmet Davutoglu. Ma ciò non è bastato a replicare i risultati elettorali ottenuti negli ultimi dodici anni.

Erdogan, che avrebbe voluto fortemente sostenere una legge di riforma che avrebbe portato la Turchia verso una repubblica presidenziale, dovrà ora confrontarsi con una nuova opposizione, il partito filocurdo di Demirtas.

    Powered byOnlyYouAdvertising