• Think News | rss
  • Think News | contatti
  • Think News | Flickr
  • Think News | YouTube
  • Think News | Twitter
  • Think News | Facebook
25 giugno 2017

TAX DAY,
16 DICEMBRE GIORNATA NERA DEI CONTRIBUENTI

13 dicembre 2014

Di Paola Ambrosino  – Nonostante la tredicesima, per i fortunati che ne hanno diritto, anche quest’anno il budget per i regalini da mettere sotto l’albero è ridotto all’osso. Complice, oltre la crisi economica, il tax day, ovvero la giornata nera dei contribuenti italiani che quest’anno cade proprio alla vigilia del Natale.

Eh già, perché martedì prossimo, 16 dicembre, si accumulano una serie di scadenze tali da prevedere che in un sol colpo lo Stato incasserà ben 44 miliardi di euro  tra il versamento dell’Iva, delle ritenute Irpef relative ai lavoratori dipendenti, dell’Imu, della Tasi, delle ritenute Irpef degli autonomi, dell’imposta sostitutiva legata alla rivalutazione del Tfr, delle ritenute sui bonifici riconducibili alle detrazioni Irpef e, in moltissime località, anche dell’ultima rata della Tari.

A stimare il gettito, l’Ufficio studi della CGIA secondo cui sarà il versamento dell’Iva a garantire l’importo più cospicuo, pari a 16 miliardi; dalle ritenute Irpef dei lavoratori dipendenti invece  l’Erario incasserà altri 12 miliardi, mentre l’ultima rata dell’Imu, che in grandissima parte affluirà nelle casse dei Sindaci, costerà agli italiani ben 10,6 miliardi. La Tasi, che in questa speciale graduatoria è presente per la prima volta solo da quest’anno, consentirà ai Comuni di incassare 2,3 miliardi. Dalla Tari, l’ultima rata di quest’anno assicurerà un gettito di quasi 1,9 miliardi, mentre dal versamento dell’Irpef dei lavoratori autonomi arriverà 1 miliardo. Infine, dall’imposta sostitutiva sulla rivalutazione del Tfr e dalle ritenute sui bonifici per le detrazioni Irpef, l’Erario incasserà rispettivamente 231 e 72 milioni.

Ti potrebbe interessare anche

Powered byOnlyYouAdvertising