• Think News | rss
  • Think News | contatti
  • Think News | Flickr
  • Think News | YouTube
  • Think News | Twitter
  • Think News | Facebook
24 giugno 2017

UNIONI CIVILI: RISULTATO A PORTATA MANO, MI APPELLO AL SENSO DI RESPONSABILITA’ DEL PD

14 gennaio 2016

Di Mara Carfagna – Non bisogna alimentare lo scontro ideologico o guerre di religione sulle unioni civili. Non è il momento di fare il muro contro muro. Ora, il dialogo e il confronto sono indispensabili per stabilire come raggiungere l’obiettivo:  ovvero, dare diritti a chi non li ha.

Il risultato è a portata di mano,  per trovare un accordo ampio in Parlamento si devono mettere da parte le strumentalizzazioni politiche, a cominciare dallo stralcio dal ddl Cirinnà della step child adoption, perchè oggi è un tema troppo divisivo. Mi appello quindi al senso di responsabilità, le modalità con cui il Pd sta procedendo non fanno altro che allontanare il raggiungimento dell’obiettivo di riconoscere diritti a chi non li ha. La legge Cirinnà ha un grandissimo torto. Ha aizzato le contrapposte tifoserie, introducendo di fatto una equiparazione con il matrimonio ed inserendo la step child adoption, su cui il Parlamento non è ancora pronto a trovare un’intesa e l’opinione pubblica nutre forti perplessità.

Sono favorevole alla libertà di voto per chi non condivide la ‘linea’ del partito: Parliamo di temi eticamente sensibili: ci si avvicina con il proprio bagaglio di valori, ideali, tradizioni e convinzioni anche religiose. In sostanza, con la propria coscienza. Ritengo, quindi, che sia giusto dare uno spazio, un margine, entro il quale chiunque possa esprimere liberamente la sua coscienza.

Invito a riflettere su un dato molto importante: Forza Italia oggi è a favore del riconoscimento delle unioni civili e questo rappresenta una conquista per noi. E questa conquista è frutto anche del lungo lavoro di ascolto dei colleghi e del mondo dell’associazionismo, che ha portato alla stesura di un nostro ddl a mia firma, a cui hanno aderito circa 40 deputati: dalla Prestigiacomo alla Centemero, da Rotondi a Occhiuto.

Il provvedimento, presentato nel marzo scorso prevede il riconoscimento dei diritti e doveri e delle responsabilità delle coppie omosessuali; la non equiparazione delle unioni civili al matrimonio e nessuna forma di adozione.

Questo ddl di Forza Italia, potrebbe essere la base per un accordo in Parlamento.

Mi chiedo: se l’obiettivo è dare diritti a chi non li ha, perchè non adottare questo tipo di soluzione previsto dal nostro ddl, che non è un compromesso al ribasso? In un altro momento, poi, il Parlamento potrà occuparsi di un tema ora divisivo come quello della step child adoption. Sono sicura che si potrebbe chiudere la partita in brevissimo tempo.

(nota rilasciata all’agenzia stampa AdnKronos)

Ti potrebbe interessare anche

Powered byOnlyYouAdvertising