• Think News | rss
  • Think News | contatti
  • Think News | Flickr
  • Think News | YouTube
  • Think News | Twitter
  • Think News | Facebook
23 giugno 2017

WORLD PRESS PHOTO, PREMIATA UNA VOCE CONTRO LE DISCRIMINAZIONI

13 febbraio 2015

Di Monica Gasbarri – Anche la 58^ edizione del World Press Photo of The Year – il più importante premio fotogiornalistico al mondo – ha il suo vincitore, anzi, I suoi vincitori, perché le categorie premiate sono tante, come in tutti i concorsi artistici che si rispettino.

Le forme di espressione fotografica sono molteplici, ma tra tutte, come per il miglior film agli Oscar, anche per questa arte speciale fatta della dicotomia di lenti analogiche e obiettivi digitali si può individuare quella che assurge al rango di “Foto dell’anno”. Quest’anno il riconoscimento per 1° Contemporary Issues World Press Photo of the Year è andato allo scatto intitolato “Jon and Alex”, del fotografo Mads Nissen (Russia).

Ha immortalato, nei volti e nei corpi di Jon e Alex (una coppia omosessuale a San Pietroburgo) il simbolo di una resistenza ostinata alle discriminazioni e all’impossibilità di esprimere se stessi. La foto è tratta da un reportage molto più ampio sulla condizione degli omosessuali in Russia, una tematica di estrema attualità giornalistica, come i tanti soggetti delle oltre 97mila foto inviate quest’anno da 5.692 fotografi di 131 paesi diversi.

Il concorso premia le foto più intense dell’anno e la motivazione di uno dei membri della giuria e photo editor di Vogue Italia, Alessia Glaviano, chiarisce tutta la potenza di questo scatto:  “Oggi i terroristi usano immagini raccapriccianti come propaganda. Noi abbiamo risposto con qualcosa di più sottile, intenso, che induce a riflettere, questa foto parla dell’amore, in risposta a quello che accade nel mondo e in una forma che trascende l’omosessualità”.

Ti potrebbe interessare anche

Powered byOnlyYouAdvertising